top of page

Fare yoga a casa: la guida completa di Associazione Myself

Lo yoga ormai occupa un posto speciale nelle nostre vite. Lo facciamo per mantenerci in forma, per equilibrare e armonizzare il corpo, la mente e le emozioni e favorire il nostro equilibrio. La parola Yoga infatti deriva dal termine sanscrito yuj, che significa “unione”. In termini spirituali questa unione viene descritta come l'unione della coscienza individuale con la coscienza universale.


In questo delicato e particolare momento storico, in attesa di poter praticare nuovamente tutti insieme, abbiamo pensato che lo Yoga in casa potesse essere la soluzione giusta per te. Basta un pò di autodisciplina, qualche consiglio dei nostri esperti e potrai iniziare la tua pratica a casa nel migliore dei modi, creando una stupenda abitudine di cui poi non potrai più fare a meno.


praticare lo yoga a casa
Praticare lo yoga a casa

1. Scegli il tipo di yoga giusto per te


Esistono numerosi stili di yoga con caratteristiche molto diverse: da quello più statico a quello più movimentato, da quello più meditativo a quello più fisico e da quello più moderno a quello più tradizionale.


Scegliere sin da subito quello giusto per te, a seconda di come sei fatto e del tuo stile di vita, è importantissimo perché solo in questo modo sperimenterai maggiori benefici dalla pratica e non la abbandonerai dopo pochi tentativi. Studia la tua pratica perfetta e perfezionala giorno dopo giorno, a casa, per farla davvero aderire alle tue esigenze.


Quello che noi proponiamo è l'Hatha Yoga conosciuto anche come lo Yoga della forza. Ideale per chi si accosta per la prima volta allo Yoga: dalla respirazione (il Pranayama) come mezzo di purificazione del corpo e della mente nelle diverse posizioni fisiche, le asana, che vengono eseguite in ordine di difficoltà, alla ricerca dell’equilibrio tra forza e flessibilità.


Esistono poi altri tipi di Yoga come Jivamukti che è un tipo di yoga dinamico, il Kundalini che mira stimolare una specifica energia mentale, Yin-Yoga che che segue il ritmo del corpo e lavora sui tessuti connettivi profondi, l'Iyengar, il Power yoga, il Vinyasa Yoga, lo Yoga Nidra che punta a uno stato di massimo rilassamento e tanti altri.


La cosa principale è trovare la forma di yoga che si adatta meglio alle tue esigenze, alla tua condizione fisica e ai tuoi obiettivi, ma soprattutto che ti fa sentire bene. Dopotutto, questo è lo scopo principale dello yoga.


Quale tipo di yoga fare a casa

Inoltre potresti adattare la pratica a secondo della situazione che stai vivendo, scegliendo le asana di cui il tuo corpo ha bisogno in quel momento. Per esempio se sei stato per tanto tempo seduto potresti scegliere una pratica costituita principalmente da posizioni yoga per le gambe, se sei stato in piedi per molte ore potresti fare posizioni a terra ed asana che permettano di rilassare il corpo, se hai mal di schiena potresti concentrarti su esercizi yoga per il mal di schiena e per rilassare la colonna vertebrale, se hai dolori al collo potresti praticare asana mirate a rilassare la zona cervicale.


2.Praticare yoga a casa: di che attrezzatura hai bisogno?

Se hai scelto la pratica a casa hai bisogno di pochi elementi per creare un ambiente favorevole alla disciplina:


  1. Un tappetino confortevole: oltre al colore e alla fantasia che si adatta al tuo stile, il tappetino yoga dovrebbe permetterti di rimanere stabile nelle tue posture, deve essere facilmente riponibile e trasportabile, comodo e antiscivolo.

  2. Un asciugamano e una coperta;